Atalanta – Bologna: le pagelle 2019

0

Atalanta – Bologna 4-1

Atalanta

Gollini 5,5: meno puntuale del solito in occasione dell’unica marcatura rossoblù.

Mancini 7: partita semplicemente perfetta. Ottimo non solo nella difesa, ma anche nell’offesa.

Palomino 6: partita molto tranquilla. Non spicca per particolari meriti, ma non sbaglia nulla.

Masiello 6: come per Palomino, pochi grattacapi da fronteggiare. L’unico pericolo è rappresentato da Orsolini, che si dimostra particolarmente vivace nella sua zona di competenza.

Hateboer 7: un treno in corsa che è impossibile da fermare per gli uomini di Mihajlovic. Gol a parte, spinge in maniera costante per tutto l’arco del match. L’unica pecca è rappresentata da un giallo evitabile.

De Roon 6,5: ottima giocata in occasione del secondo goal di Ilicic e da applausi il tentativo di entrare nella lista dei marcatori con un bel tiro da centrocampo. Giocatore sempre prezioso e importante nell’economia di gioco orobica.

Freuler 7: dispensa giocate di grande qualità a destra e a manca come nel caso del bel suggerimento lungo che Zapata trasforma in rete. Fantastico (90′ Pessina s.v.).

Gosens 6: più in ombra rispetto ai compagni di squadra. Osa troppo poco.

Ilicic 8,5: Odi et amo: giocatore superbo. Decide di vincere la partita da solo nei primi sette minuti segnando una doppietta e servendo un assist perfetto per il tre a zero di Hateboer. Straordinario (63′ Barrow 6: entra a partita già finita. Ci prova, ma non trova la gioia del goal).

Gomez 6: l’esuberanza di Ilicic lo mette in ombra. Giornata di riposo (46′ Pasalic 6: ha il merito di restare concentrato e di non sbagliare quasi nulla).

Zapata 7: sigillo numero venti in campionato a coronamento di una stagione che sta superando le più rosee aspettative. Commette una grave ingenuità facendosi ammonire da diffidato, facendo infuriare Gasperini.

 

Bologna

Skorupski 5,5: al di là dei quattro goal subiti non sempre si dimostra affidabile e sicuro.

Calabresi 5: bloccato dai cursori della Dea, non riesce a mettersi in mostra come al solito.

Gonzalez 5: marcare Zapata è un mestiere troppo duro per lui (67′ Paz 6: entra ormai a giochi finiti non concedendo nulla agli avversari).

Lyanco 4: spesso elogiato dal tecnico serbo dei felsinei, questa sera fornisce una prestazione imbarazzante e superficiale. La sua partita finisce dopo sette minuti.

Krejci 4: che sia una seconda linea, lo si nota sin da subito. Non sfrutta a dovere l’occasione concessagli, venendo sempre scherzato dagli avanti di casa. Penoso.

Donsah 5: la sua lunga assenza dai campi di gioco ne pregiudica la prestazione: viene sovrastato tecnicamente e fisicamente dalla mediana dei padroni di casa.

Nagy 5,5: cerca di mettersi in mostra, ma perde la maggior parte dei duelli individuali.

Pulgar 5: questa sera si dimostra poco geometra in cabina di regia e il Bologna ne risente troppo (82′ Poli s.v.).

Orsolini 6,5: il migliore dei suoi: cerca di suonar la carica predicando nel deserto. Bellissimo il goal su punizione.

Falcinelli 5: ectoplasma. Non riesce mai ad incidere.

Sansone 5: uno dei pochi titolari confermati in questa difficile trasferta di Bergamo, dialoga a dovere con i compagni (64′ Valencia 6: come per Paz, ci mette impegno e buona volontà). 

CONDIVIDI