Atalanta – Juventus: le pagelle 2018

0

Atalanta – Juventus 2-2

Atalanta

Berisha 6,5: mezzo punto in più per la bella parata su Bentancur. Incolpevole sulle due reti avversarie.

Mancini 6: partita diligente tatticamente. Talvolta troppo irruento, controlla un Dybala non irresistibile.

Djimsiti 4: a parte l’autogoal davvero indecente, commette numerosi errori di marcatura e posizionamento. Qualche responsabilità sul pareggio dell’asso portoghese della Juve.

Masiello 6: pulito e ordinato. Non commette grosse ingenuità (86’Barrow s.v.).

Hateboer 6: spinge meno del solito, ma quando lo fa sa essere pericoloso.

Freuler 6,5: prende possesso del centrocampo con fisico e qualità. L’assenza di Pjanic lo agevola in tal senso. Nella ripresa, grazie anche all’espulsione di Bentancur, continua senza sosta a dettare i tempi di gioco.

Pasalic 5: assente, sostituto per disperazione (67′ Gosens 5,5: cerca di proporsi bene anche davanti, ma dietro si dimentica Ronaldo in occasione del due a due).

Castagne 6,5: ottima prova, fa espellere Bentancur e cerca di farsi vedere quando può.

Ilicic 6: potrebbe far di più, ma la classe c’è e si vede. Sbaglia un po’ troppo nelle ultime scelte, ma la sufficienza è meritata (77′ Pessina s.v.).

Gomez 6,5: fa al meglio il “Cristante” anche oggi. Peccato non vederlo più davanti come un tempo, ma resta sempre un giocatore fondamentale per gli equilibri degli orobici.

Zapata 8: giocatore ritrovato. Ridicolizza Bonucci in tutti i modi. Doppietta e votazione assolutamente meritate, frutto di un fisico e una qualità impressionanti. Devastante.

 

Juventus

Szczesny 6: sempre affidabile. Può poco o nulla sui goal subiti.

De Sciglio 6: cerca anche di spingere sulla sua fascia di competenza, ma non è un giocatore offensivo e si vede. Bravo a lottare contro gli avanti di casa.

Bonucci 4,5: è l’anello debole della difesa bianconera. Santo Stefano amaro per lui, perde ripetutamente Zapata e non riesce mai a prendergli le misure. Delusione.

Chiellini 6: prende un giallo discutibile, ma non si lascia condizionare e offre sempre la solita, ottima prova.

Alex Sandro 6,5: bravo nell’offesa, suo il cross per l’autorete di Djimsiti. Riesce anche a spizzare il pallone per il possibile due a tre di Bonucci, giustamente annullato.

Khedira 5,5: forse un errore schierarlo dal primo minuto, la sua presenza è più deleteria che vantaggiosa (65′ Ronaldo 7: non si può mai rinunciare al più forte di tutti. Salva la sua squadra da una sconfitta, forse, meritata).

Emre Can 5: oltre a non rendersi quasi mai pericoloso, si perde in marcatura Zapata in occasione del due a uno.

Bentancur 4,5: ci prova con qualche inserimento, ma commette un’ingenuità clamorosa che sarebbe potuta costare la prima sconfitta stagionale in campionato per i bianconeri. Immaturo.

Dybala 5: “tuttocampista” invisibile. Non incide e non fa la differenza. Involuzione?

Mandzukic 6,5: sempre sul pezzo. Avrebbe anche l’occasione per far vincere la partita alla sua squadra, ma Djimsiti involontariamente gli toglie il controllo del pallone. Bello l’assist di prepotenza in occasione del pari.

Douglas Costa 5,5: tenta più volte di rendersi pericoloso, ma sbaglia sempre l’ultimo passaggio (56′ Pjanic 6,5: ottimo impatto sul match, giocatore insostituibile quasi quanto Ronaldo nell’impianto di gioco dei campioni d’inverno. Mette ordine e sapienza in un centrocampo in balia dei bergamaschi).

 

CONDIVIDI