Guida Asta Fantacalcio 2019: il Lecce

0
Guida asta fantacalcio 2019 Lecce

Consigli asta fantacalcio Lecce

Ritorna la Guida asta fantacalcio di ICDF, in questo articolo andiamo ad approfondire il Lecce.

Guida asta fantacalcio 2019: Lecce

Non partiva coi favori del pronostico nella scorsa Serie B ma i salentini sono riusciti a sorprenderei bookmakers e conquistare la promozione diretta lasciandosi alle spalle ben più quotate rivali. Un capolavoro figlio del lavoro di Liverani che ora si riprende la massima serie riportando il Lecce in A 8 anni dopo l’ultima volta con la voglia di sovvertire ancora i pronostici e conquistare la salvezza.

Nuovi arrivi Lecce

In quest’ottica si sta muovendo il mercato del Lecce, salvaguardare la buona base della scorsa B ed inserire tasselli funzionali. Ecco quindi l’esperienza di Lapadula, Rossettini, dal Genoa, e Gabriel dal Perugia, Rispoli dal Palermo, giovani come Dell’Orco e Lo Faso, rispettivamente da Sassuolo e Palermo, e gli immancabili nomi esteri Vera, dal Leones, Benzar, dallo Steaua Bucares, e Shakov dal PAOK.

La sorpresa

Sicuramente attenzionato Lapadula, l’esterofilia invita verso Shakov, noi però vogliamo osare ed indichiamo al ruolo di “sorpresa” Jacopo Petriccione. La carriera di Petriccione parte lontano quando era enfant prodige del vivaio Fiorentina ma per affermarsi ha dovuto trovare Liverani che l’ha plasmato in una mezz’ala molto abile negli inserimenti tant’è che il suo bottino è stato di soli 2 gol ma ben 7 assist. Ricordiamo che è un centrocampista.

Consigli Fantacalcio Lecce: ruoli e formazione base

In porta dovrebbe trovare la maglia da titolare il brasiliano Gabriel con Vigorito, eroe della promozione, a fargli da secondo. Davanti a lui due ballottaggi, uno a sinistra tra Calderoni ed il giovane Vera, ed uno al centro tra Lucioni e Meccariello per affiancare Rossettini. A destra ci sarà Rispoli.

A fare da vertice basso nel centrocampo a 3 troveremo Tachtsidis con Petriccione ed uno tra Shakov, in vantaggio, e Majer. A ridosso delle punte dovremmo trovare Mancosu anche se Shakov potrebbe insidiare anche questa posizione.

In attacco non paiono esserci dubbi sulla coppia Lapadula-Farias, con La Mantia prima alternativa, a meno che il mercato non serbi novità.

Formazione base (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Meccariello, Rossettini, Dell’Orco; Petriccione, Tachtsidis, Shakov; Mancosu; Farias, Lapadula.

Ballottaggi: Rossettini/Lucioni; Calderoni/Dell’Orco; Shakov/Majer; Mancosu/Shakov; Farias/La Mantia

La rosa

PORTIERI

Gabriel: portiere onesto, capace tanto della parata importante quanto dell’incertezza, conosciamo lui ed i suoi limiti, da vedere come riserva e non come altra scelta.

Vigorito: parte alle spalle di Gabriel, proverà a soffiargli il posto, nulla che però a noi possa interessare.

Bleve: al momento rimane come terzo, in attesa di possibili novità dal mercato.

DIFENSORI

Rispoli: il pensiero va subito all’ultima stagione in A col Palermo ed al bottino di gol inusuale per un difensore. Il contesto ed il ruolo sono diversi però noi suggeriamo di prenderlo almeno per completare la difesa con un nome affidabile.

Rossettini: una scelta low-cost per completare il reparto che per anni abbiamo caldeggiato ma gli anni passano anche per lui. Ci sono sicuramente nomi più intriganti e più appaganti di questo.

Lucioni: dopo la retrocessione col Beneventi si è ripreso la categoria col Lecce, ha mostrato evidenti lacune al suo primo impatto, vedremo il secondo, il ballottaggio con Meccariello però non ci spinge a consigliarlo.

Calderoni: esterno di buona gamba e buon piede, potrebbe essere di quegli azzardi che ti lasciano un sapore particolare ma ci sono troppe incognite per cui è una scelta veramente audace.

Dell’Orco: arrivato dal Sassuolo, potrebbe subito scalare le gerarchie e diventare titolare sull’out mancino. Acquisto da valutare per completare la propria fantadifesa.

Vera: giovane che si è ben distinto all’ultimo sub-20, se ne parla molto bene e non dubitiamo che il suo talento emergerà ma i tempi sono incerti e se vogliamo nomi affidabili dobbiamo andare oltre.

Benzar: pareva arrivato per prendere posizione sulla fascia destra, l’arrivo di Rispoli lo spinge ora nelle retrovie. In questo senso non può essere un nome appetibile.

Fiamozzi: per ora è la terza scelta sulla destra, possibile per lui una cessione.

Gallo: altro talentino preso dal decaduto Palermo, per lui poco spazio.

Riccardi: giovane emergente del vivaio, anche per lui poco spazio in vista.

CENTROCAMPISTI

Mancosu: nel ruolo di trequartista è stato l’arma in più del Lecce nella lotta promozione, potrebbe continuare a garantire una buona dose di bonus ma non è certamente un nome di prima linea. Magari da prendere e schierare nelle gare salvezza.

Petriccione: come detto in premessa ci aspettiamo da lui un campionato convincente, non cose straordinarie ma la conferma della crescita espressa negli ultimi anni. Noi consigliamo di prenderlo per completare il reparto, sicuri che non ve ne pentirete.

Shakov: nome esotico come tanti degli ultimi mercati e che però spesso si rivelano flop.  Il contesto però pare positivo e potendo ricoprire più ruoli il minutaggio può giovarne. Sicuramente una scommessa, sicuramente ce ne sono di più interessanti.

Majer: giocatore di densità e dinamismo, Liverani lo conosce. Darà sicuramente bagarre nelle scelte di formazione al trainer dei pugliesi. 

Tachtsidis: titolare davanti alla difesa, è un nome conosciuto e che non intriga molto al fantacalcio. Da acquistare solo per completare il reparto, in mancanza di giocatori più interessanti.

Haye: centrocampista di qualità, parte dietro nelle gerarchie. Giocatore da osservare nei primi mesi di campionato.

Tabanelli: centrocampista d’inserimento, potrebbe lasciare Lecce.

ATTACCANTI

Lapadula: arrivato per dare esperienza e peso all’attacco, su di lui farà affidamento tutta la squadra e può regalare la doppia cifra. Da prendere come terzo/quarto in attacco, da schierare nei match più abbordabili.

Farias: ad Empoli ha fatto intravedere buone cose, è un attaccante da 6-7 reti in stagione non di più. Utile per completare il reparto.

La Mantia: attaccante fantasioso e di qualità, bisogna aspettare prima di vedere come si ambienterà alla Serie A.

Falco: talento mai esploso del tutto, si gioca le sue carte per una maglia in attacco.

Lo Faso: giovane di grandissima prospettiva, parte indietro nelle gerarchie.

CONDIVIDI