Lazio – Parma, le pagelle 2019

0

Lazio – Parma: 4-0

LAZIO

Strakosha 6: Praticamente non viene chiamato in causa fino al minuto 77′. Sul gol di Sprocati però può poco.
Patric 5,5: Il voto poteva esser ben più alto, dopo aver disputato un buon match. Poi, però, decide di regalare il gol a Sprocati.
Acerbi 6,5: Inglese chi? Acerbi lo annulla tutto il match, rendendo vani tutti i tentativi dell’attaccante ospite.
Radu 6: Partita sufficiente, si limita al compitino.
Marusic 7: Pronti, via e si rende subito pericoloso in area avversaria. Il gol arriva dopo un bell’inserimento e complice un Sepe non perfetto.
Milinkovic Savic 6,5: Giganteggia in campo. Manovra l’azione offensiva della Lazio con inteliggenza tattica ed ottime giocate.
Leiva 6,5: Una diga davanti alla difesa. Dalle sue parti non passa nessuno. (Dal 60′ Cataldi 6: Gioca una buona partita. Porta più di un brivido a Sepe con le sue conclusioni)
L.Alberto 8: E’ la sua partita. Sigla un rigore con brivido, trova il raddoppio e, per non farsi mancare nulla, serve l’assist per il gol di Lulic.
Lulic 7: Tanta quantità per il capitano della Lazio, ripagata da un bel gol sul finire del primo tempo. (Dal 75′ Durmisi 6: Ci mette grinta e voglia. Tenta di replicare il gol segnato da Marusic nel primo tempo, ma non riesce)
Correa 6,5: Tecnica, tanta tecnica quella sfogiata dal trequartista biancoceleste. Offre gioco, prova a trovar il bonus pesante, ma si ferma all’assist per il gol di Luis Alberto.
Caicedo 6: Fa tutto il lavoro sporco. Gioca tanto spalle alla porta e crea spazi per i compagni. (Dal 66′ Neto 6: Inzaghi gli da fiducia, lui gioca bene e cerca più volte di timbrare il cartellino)

PARMA
Sepe 5: Non la sua miglior prestazione. Mal posizionato su 3 dei 4 gol segnati dalla Lazio.
Iacoponi 5: Una giornata no quella del terzino emiliano, accentuata dal fallo di mano che concede il calcio di rigore alla Lazio.
Alves 5,5: Fa il possibile per contrastare l’ondata biancoceleste, ma la qualità degli avversari è di un altro livello
Gagliolo 5: Gioca in coppia con B.Alves, ma in campo si sente poco e nulla.
Dimarco 5: Marusic fa praticamente ciò che vuole sulla sua corsia. Impalpabile.
Biabiany 5,5: Ha l’attenuante di non giocare nel suo ruolo, ma la sua prestazione resta comunque insufifciente. (Dal 71′ Sprocati 6,5: Si trova al posto giusto al momento giusto. Entra e, dopo cinque minuti, su errore di Patric, segna il gol del definitivo 4-1)
Rigoni 5: Dovrebbe dare peso al centrocampo emiliano, ma la velocità Laziale lo mette in enorme difficoltà.
Kucka 5,5: Si carica la squadra sulle spalle, prova ad imbastire qualche manovra offensiva, ma i limiti tecnici, contro questa squadra, si vedono.
Siligardi 5: L’abbiamo notato quando chiamate le formazione ufficiali, ma in campo non si è visto. (Dal 57′ Gazzola 6: Entra a partita ormai compromessa. Fa il suo, considerando anche il pressing laziale più blando)
Inglese 5: Acerbi un tormento per l’attaccante ex Napoli, mai pericoloso dalle parti di Strakosha. (Dal 64′ Ceravolo 5,5: Unica azione pericolosa, l’imbucata in cui si fa anticipare da Patric. Poi impalpabile)
Gervinho 5,5: Crea pochi pericoli verso Strakosha, ma si propone e cerca più volte la giocata.

CONDIVIDI