Sassuolo – Udinese: le pagelle 2018

0

Sassuolo – Udinese 0-0

Sassuolo

Consigli 6: ordinaria amministrazione. Attento su Mandragora nella seconda frazione.

Lirola 6,5: ci mette impegno e costanza. Macina chilometri lungo la fascia, ma pecca leggermente in precisione al momento del cross.

Marlon 6,5: partita impeccabile. Annulla Pussetto e dà sicurezza a tutto il reparto.

Ferrari 6: condizionato da un giallo prematuro non commette, comunque, errori degni di nota. Oggi, però, non è il migliore della retroguardia neroverde.

Rogerio 6: si vede poco, ma è attento in fase di copertura. Può fare di più.

Duncan 6,5: sempre vivo e pericoloso. Subito un bel tiro al volo parato da Musso e un goal annullato dal Var. Meriterebbe la marcatura per tenacia.

Sensi 6,5: De Zerbi lo premia affidandogli la cabina di regia dal primo minuto e il centrocampista under 21 non delude, prendendo in mano le redini del gioco per tutto l’arco del match. Prezioso anche in fase di non possesso (85′ Trotta s.v).

Bourabia 6: primo tempo da oltre la sufficienza, ma seconda frazione deludente. Rispetto alle precedenti apparizioni tenta di creare qualcosa in più, ma deve arrendersi alla sterilità generale dei valori messi in campo oggi.

Berardi 6,5: più brioso del solito. Costringe i difensori dell’Udinese a sistematici falli per fermarlo. Deve, però, segnare. Nel complesso, discreta prova.

Babacar 5,5: molto isolato (non per sua colpa, per la verità) e per nulla incisivo. La fortuna, però, va cercata: in questo si dimostra non all’altezza (66′ Matri 5,5: Musso gli dice no su una buona palla, ma il bomber ex Juve e Milan non ci va con la cattiveria necessaria).

Di Francesco 5,5: anonimo ed assente. Può riscattarsi ma l’estremo difensore friulano si fa trovare sempre pronto. De Zerbi, giustamente, lo cambia (Djuricic 6: fa qualcosa in più rispetto al figlio dell’allenatore della Roma senza lasciare il segno).

 

Udinese

Musso 6,5: sempre presente e attento. Una sicurezza.

Stryger Larsen 6: dalle sue parti non corre pericoli, ma non fa nulla per prendere possesso dell’out di competenza. L’attenzione e la concentrazione in fase di copertura, però, gli assicurano una sufficienza importante, data la trazione offensiva della squadra di casa.

Troost-Ekong 6,5: il forte centrale bianconero tiene a galla i suoi annullando prima Babacar e poi Matri. Il punto guadagnato in trasferta dagli uomini di Nicola è conseguenza della sua prestazione.

Nuytinck 6: meno brillante del compagno di reparto, ma positivo fino al triplice fischio.

Ter Avest 6: difende con ordine e cerca, raramente, di oltrepassare il centrocampo fornendo supporto alla manovra. Può far di più, ma non sfigura contro un Lirola in forma.

Mandragora 5,5: un bel tiro e nulla più. L’Udinese si aspetta molto, forse troppo rispetto a quello che sembra poter dare.

Behrami 6,5: è un giocatore di cuore e si vede. Mai domo, lotta su ogni pallone pur non essendo in eccellenti condizioni fisiche (53′ Lasagna 6: si sacrfica molto in una giornata di sofferenza generale per i suoi).

Fofana 6: bravo nel coprire e nei contrasti, ma con le sue qualità potrebbe essere più determinante.

Pezzella 5,5: si arrangia come può su un Berardi decisamente in palla. Fa il suo, ma in maniera troppo disordinata venendo, giustamente, ammonito.

De Paul 5,5: l’uomo più atteso in questo pomeriggio di Dicembre si perde tra il grigiore di un match che non verrà ricordato per l’alto tasso tecnico messo in campo dalle due formazioni. Evanescente.

Pussetto 5,5: con la sua mobilità punzecchia la difesa neroverde senza risultare decisivo. Da rivedere (73′ Machis 5,5: sforna qualche bella giocata nelle ultime battute di una sfida poco appassionante, ma si sveglia troppo tardi).

CONDIVIDI