Torino – Empoli, le pagelle 2018

0

Torino – Empoli 3-0

TORINO

Ichazo 6: chiamato poco in causa si destreggia bene.

Izzo 6,5: interventi puliti e concreti per fermare Caputo e La Gumina.

Nkoulou 7: in difesa non sbaglia nulla e trova il gol con il solito inserimento in avanti.

Moretti 6: esperienza e affidabilità al servizio della squadra che regalano sicurezza all’intero reparto.

De Silvestri 7: tanta corsa e sacrificio, la sua gara viene impreziosita dal gol del 2 a 0.

Rincon 6: tanta legna in mezzo al campo, solita prova di corsa e sacrificio. (Dal 78′ Lukic sv).

Baselli 6,5: inizia male, ma poi serve l’assist per Nkoulou e si muove bene in mezzo al campo. (Dal 71′ Meité 6: da una mano nella gestione finale, col risultato già quasi in ghiaccio).

Ola Aina 6,5: tanta corsa, si fa vedere in avanti ed in chiusura.

Iago Falque 7: prova di grande spessore da trequartista, trova ottime giocate e chiude il match firmando il tabellino. (Dall’80’ Berenguer sv).

Zaza 6: si sacrifica per i compagni ed è poco lucido sotto porta.

Belotti 6,5: sfiora il gol in due occasioni, in crescendo.

EMPOLI

Provedel 5,5: Incerto sul primo gol, anche se Nkoulou colpisce di testa da distanza ravvicinata. Può pochissimo sulle reti di De Silvestri e Iago Falque, è bravissimo nei minuti di recupero sulla conclusione di Ola Aina.
Veseli 5,5: Nel primo tempo è il migliore della retroguardia empolese, facendo valere spesso e volentieri la sua fisicità. Nella ripresa soffre i continui affondi granata come tutti i compagni di reparto.
Silvestre 5: Prova complicata per l’argentino. Rischia di combinarla grossa nella ripresa quando liscia il pallone e stende Zaza al limite dell’area. Un suo movimento sbagliato libera la strada a Iago Falque per il 3-0 granata.
Maietta 5: Non è al meglio e si vede. Gioca limitato da fastidi muscolari e perde completamente Nkoulou in occasione del primo gol. Esce a inizio ripresa per infortunio. (Dal 54esimo Rasmussen 5: Entra con la gara già ampiamente dalla parte dei granata, ma sul gol di Iago Falque del 3-0 ci mette del suo non chiudendo lo spagnolo e lasciandolo libero di calciare dal limite dell’area).
Di Lorenzo 5,5
Krunic 5: Un passo indietro per il centrocampista di Iachini. Benino nel primo tempo, sparisce completamente nella ripresa e viene espulso per proteste nei minuti finali. Pomeriggio da dimenticare.
Bennacer 5,5: Nel primo tempo gioca semplice, massimo due tocchi, pur facendo cose complicate. E spesso gli riescono. Dà qualità alla mediana azzurra facendosi sentire anche in fase difensiva. Naufraga nella ripresa insieme al resto della squadra.
Traore 5,5: Nel primo tempo, con Bennacer, è uno dei migliori. Arriva due volte alla conclusione nel primo tempo e si distingue per dinamismo e tempi di gioco. Nella ripresa non serve un liberissimo Caputo dentro l’area, concludendo fuori e cestinando un’interessante palla gol. (Dal 63esimo Zajc 5,5: Entra per dare qualità alla manovra offensiva azzurra, ma tocca pochissimi palloni e non riesce ad incidere).
Antonelli 5,5: Spinge meno del solito e soffre tantissimo il dinamismo di De Silvestri. Anche in termini di esperienza e personalità ci si poteva aspettare qualcosa in più dall’ex Milan.
Mraz 5: Schierato titolare a sorpresa da Iachini, la sua gara è caratterizzata da tanta corsa, qualche tocco sbagliato e zero palle gol degne di tale nome. Poco, troppo poco, soprattutto in una giornata in cui Caputo non riesce a trovare spazi. (Dal 50esimo La Gumina 5,5: Entra per dare profondità alla manovra azzurra. Ci riesce nei primi dieci minuti della sua partita, poi si perde e non lascia traccia).
Caputo 5,5: Non trova sbocchi personali e quindi prova a mettersi a disposizione dei compagni con assist e movimenti per liberare spazi. Ma anche lui, alla fine, non risulta né pericoloso nè decisivo per i compagni.

CONDIVIDI