Torino – Genoa, le pagelle 2018

0

Torino 2 – 1 Genoa

Torino

Sirigu 6: fortunato sul palo di Piatek e senza colpe sul goal di Koume, per il resto ordinaria amministrazione;

Izzo 5,5: a destra il Torino crea poco e manca di precisione nel fraseggio in uscita;

Nkoulou 6,5: guida la difesa con autorità non perdendo mai la calma anche nelle situazioni più complicate;

Djidji 6: abile nel far ripartire l’azione palla al piede, puntuale nelle chiusure;

De Silvestri 6: tiene la posizione e limita lo spazio per le avanzate di Lazovic; (dal 59′ Aina 6: subito nel vivo dell’azione ed abile a sfruttare la sua freschezza atletica nel finale di partita);

Rincon 6: sempre pronto nei raddoppi e nel dare appoggio ai compagni;

Meite 6,5: si fa trovare sempre nella posizione giusta per aiutare i compagni e far ripartire l’azione; (dal 74′ Baselli 6: in poco tempo si crea due opportunità per chiudere la partita);

Ansaldi 6,5: domina la sua fascia, trovando anche il goal del pareggio nel finale del primo tempo;

Falque 6,5: si procura il rigore decisivo, svaria su tutto il fronte offensivo e accende la manovra granata; (dal 84′ Parigini sv)

Belotti 6: freddo dal dischetto ma perde palla in occasione del palo di Piatek e tiene in gioco Koumè in occasione del vantaggio rossoblù;

Zaza 5: falloso e spesso in fuorigioco, nel finale spreca una nitida palla goal.

Genoa

Radu 6,5: intuisce il rigore di Belotti e tiene in partita il Grifone fino al novantesimo con un paio di interventi risolutori;

Romero 6: ha gioco facile sulle palle alte, manca di esperienza in alcune situazioni di gioco dove concede troppo ai granata;

Biraschi 6,5: si destreggia bene sia come centrale che come esterno non facendo mancare il suo supporto in fase di spinta;

Criscito 6,5: gioca d’anticipo per quasi tutta la partita e limita al massimo le disattenzioni;

Romulo 4: rimedia due ammonizioni evitabili in pochi minuti lasciando in 10 i compagni alla mezz’ora del primo tempo;

Bessa 5,5: soffre la fisicità del centrocampo granata e fatica a trovare i tempi giusti per sfruttare le ripartenze rossoblù;

Sandro 5: l’ingenuità su Falque costa il rigore contro, macchinoso ed impreciso per tutta la partita; (dal 74′ Pandev 5,5: non riesce a dare il suo contributo nel tempo a disposizione, anche per la posizione molto arretrata);

Hiljemark 6: Ansaldi lo anticipa per 1 a 1, ma gioca una partita di sacrificio andando sulle spizzate di Koumè per accorciare la squadra; (dal 82′ Lapadula);

Lazovic 5: parte bene per servendo a Piatek un bel assist, ma si spegne subito faticando anche in copertura;

Piatek 6: sacrificato per ristabilire l’equilibrio della squadra dopo l’espulsione di Romulo ed ha giusto il tempo per creare l’occasione più pericolosa del Genoa della partita; (dal 28′ Gunter 6: centrale insieme a Romero entra subito in partita accorciando sempre sull’attaccante granata);

Kouamé 7: segna, lotta su ogni e dopo l’espulsione tiene in apprensione tutta la retroguardia granata da solo.

CONDIVIDI