Torino – Sassuolo: le pagelle

0
Torino Tifosi @ Getty Images
Torino Tifosi @ Getty Images

Torino – Sassuolo 5-3

Hart 5,5: in una gara ricca di gol, si mette in mostra facendo vedere i suoi pregi e difetti. Impreciso sulla prima rete del Sassuolo, portiere che ci ha abituato ad alti e bassi.

De Silvestri 7: una rete che mancava da un po’ e sicuramente farà felici tanti fantallenatori. Aldilà del gol una prestazione di buon livello, facendosi trovare sempre pronto e disponibile in fase di spinta.

Moretti 6: non la sua gara migliore, d’altronde la vivacità dell’attacco neroverde lo mette spesso in difficoltà ma con un po’ di esperienza strappa un prestazione sufficiente.

Rossettini 5: un finale di torneo in continuo calo a dispetto delle buone prestazioni offerte nella prima parte. In due reti degli avversari ha colpe evidenti, poco lucido.

Barreca 5,5: altro giocatore che ha perso la brillantezza dei momenti migliori. Poco risoluto nelle scelte e timido quando si tratta di affondare sull’out di sinistra ma la discontinuità è tipica dei giovani che devono crescere ancora.

Acquah 6: temperamento, tanto, troppo. Il ghanese è un giocatore che vive d’impeto le sue gare e forse per evitare di perderlo lungo la strada che Mihajlovic lo lascia negli spogliatoi (dal 46′ Gustafson 6: svolge il compitino senza strafare né demeritare ed alla fine offre una prestazione pulita).

Valdifiori 5,5: ennesima gara anonima del regista che conferma di aver perso la vivacità e le idee del periodo empolese. Certo ora il Torino è più farraginoso del solito ma neanche lui aiuta a sveltire la manovra.

Baselli 7: ottima prestazione del talentino ex-Atalanta che stasera ritrova la verve che pareva sopita. Un bel gol ed un assist per propiziarne un altro, se trovasse la giusta continuità sarebbe tra i migliori centrocampisti della nostra nazione (dal 66′ Obi 6: entra per dare sostanza al centrocampo, ci riesce anche se la volontà compensa tanta imprecisione).

Iago Falque 6,5: tende a distrarsi ed estraniarsi dal gioco per vari tratti di gara ma quando si accende la qualità è evidente, trova ancora una rete a suggello di una stagione tutto sommato positiva.

Boyé 6,5: vivace e volenteroso, ha voglia di imporsi questo anomalo attaccante argentino, né esterno puro né prima punta. È uno dei giocatori intorno a cui nascerà il nuovo Torino (dal 75′ Iturbe 5: il tempo di entrare e regalare un rigore agli ospiti. a conferma di una stagione da archiviare in fretta).

Belotti 7: centrato il podio della classifica marcatori dopo aver visto sfilare il primato, chiudere il campionato con 26 reti è tanta roba. Ha regalato gioie ai tifosi ed ai fantallenatori e stasera ha suggellato con una buonissima gare un gran bel campionato.

Sassuolo

Pegolo 5,5: il ritorno in campo poteva essere più felice perché tornare a casa con 5 reti sul groppone è davvero tanto per un portiere. Non ha colpe specifiche anche se qualcosina in più poteva farla.

Gazzola 5,5: prova ad arginare uno straripante Boyé ma ci riesce a tratti, pecca di aggressività e tanacia, forse già in vacanza (dal 71′ Lirola 6: molto meglio del compagno di reparto, più propositivo non a caso guadagna il rigore del terzo gol neroverde).

Cannavaro 5: Belotti lo mette in croce sul piano fisico mentre la velocità degli esterni è troppo per lui. Meno male che questa partita aveva poco da dire per la classifica altrimenti erano guai.

Acerbi 5: bene solo in fase di impostazione il che è grave per un difensore che vede gli avversari superarlo con troppa, troppa facilità. Ci aspettavamo una gara d’addio più combattuta da parte sua.

Peluso 5,5: poca spinta, non benissimo in fase difensiva ma almeno non commette errori gravi ed alla fine la gara è insufficiente nel complesso ma non tutta da buttare.

Sensi 6: a centrocampo è uno dei pochi ad avere le idee chiare, ma predica nel deserto perché i compagni di reparto lo abbandonano a se stesso.

Magnanelli 5,5: poco preciso e soprattutto poco tenace visto che di fronte c’è un centrocampo ben organizzato e vivace. Finisce per perdersi.

Biondini 5: partita da dimenticare per l’esperto centrocampista che non fa bene nessuna delle due fasi (dal 66′ Pellegrini 6: premiamo la verve di un giocatore che entra col piglio giusto a conferma della determinazione ed impegno mostrati finora).

Berardi 5,5: tanta voglia e sicuramente meriterebbe di più ma non possiamo non sottolineare che tutti i suoi sforzi vanno in fumo per poca convinzione o poca precisione nelle ultime scelte.

Politano 6: una zanzara che da molto fastidio alla difesa granata, cercando continuamente di saltare l’uomo, non trova lo spunto personale ma propizia uno dei gol di Defrel (dal 77′ Iemmello s.v.).

Defrel 8: cala il tris il francese lasciandosi alle spalle una stagione opaca e tuttavia nella quale riesce a portare a casa ben 11 reti. Il prossimo anno forse avrà un test probante per dimostrare di meritare palcoscenici più prestigiosi.

CONDIVIDI