Consigli Fantacalcio 2018, cosa fare con Federico Di Francesco al Sassuolo

0

Nome completo: Federico Di Francesco
Luogo e data di nascita: Pisa, 14 giugno 1994
Nazionalità: italiana
Piede preferito: destro
Ruolo: esterno offensivo
Altezza: 171 cm
Peso: 71 kg
Squadra di provenienza: Bologna
Squadra attuale: Sassuolo

Consigli Fantacalcio 2018, cosa fare con Federico Di Francesco al Sassuolo

Mini-rivoluzione offensiva per il Sassuolo che, ceduto Politano all’Inter, ha ripiegato sul giovane Di Francesco dal Bologna per puntellare il tridente a disposizione di De Zerbi. Cresciuto calcisticamente proprio nel Sassuolo, Di Francesco fa il suo esordio tra i pro con la maglia del Pescara. L’anno successivo viene acquistato dal Parma che lo gira in prestito prima al Gubbio, poi al Pescara ed, infine, alla Cremonese. Nell’estate del 2015, dopo il fallimento della società parmense, decide di ripartire dalla Serie B con il Lanciano neo promosso.

Con i frentani vive una stagione da assoluto protagonista della serie cadetta, andando a segno 8 volte e contribuendo in maniera decisiva alla permanenza della compagine rossonera in Serie B. Nell’estate del 2016 approda a titolo definitivo al Bologna dove riesce a giocare con discreta continuità mettendosi in evidenza con giocate di fino ed ottimi spunti personali nel dribbling. Insieme a Verdi costruisce un tandem importante per il Bologna che si consolida con tranquillità nella zona salvezza per entrambi i campionato. Dopo due stagioni condite da 5 marcature in massima serie, Di Francesco passa al Sassuolo.

Consigli Fantacalcio

Nel 4-3-3 di De Zerbi, Di Francesco troverà sicuramente spazio sull’out sinistro dove potrà dare libero sfogo al suo estro ed alla sua abilità nel tiro da fuori area. Al fantacalcio può essere una bella sorpresa, da acquistare nel pacchetto offensivo come terzo/quarto attaccante anche se una sua eventuale considerazione come centrocampista (ipotesi difficile ma non impossibile) farebbe sicuramente lievitare il prezzo del suo acquisto in sede d’asta. Noi lo consideriamo una possibile sorpresa positiva.

CONDIVIDI