Napoli – Verona, le pagelle 2018

0

Napoli – Verona 2-0

Napoli

Reina s.v. : l’unico tiro arriva sul calare della gara ed è tutt’altro che un pericolo serio, gara giocata più da regista arretrato che da portiere.

Hysaj 6: si nota comunque che non è nel momento migliore della stagione, qualche imprecisione si nota ma la gara è tutto sommato positiva.

Albiol 6,5: registra la fase difensiva coprendo con intelligenza ed esperienza le poche folate offensive avversarie. Si arrende solo ad un problema fisico (dall’85’ Maksimovic s.v.).

Koulibaly 7: quando le cose si complicano arriva la belva d’ebano dalla retroguardia a sbloccare una gara che si stava facendo complicata. Le parole sulla fase difensiva sono ormai sprecate.

Mario Rui 6: manca ancora di brillantezza, evidente come cali alla distanza, ma la crescita c’è e si vede con la maggiore presenza offensiva sebbene manchi di efficacia.

Allan 6,5: le percussioni della mezz’ala azzurra che offre ancora una gara straordinaria in qualità ma soprattutto quantità per le palle recuperate e poi discretamente gestite.

Jorginho 6: giostra bene e con precisione i tempi della manovra sebbene si noti qualche imprecisione di troppo soprattutto fino al vantaggio quando le maglie difensive del Verona sono ben chiuse.

Hamsik 6: parte bene poi concede qualcosa di troppo all’imprecisione sporcando una gara altrimenti positiva nonostante non arrivi lo spunto vincente (dal 76’ Zielinski 6: entra quando la gara è ormai avviata e dopo il raddoppio è tra i pochi a voler cercare ancora la via della rete).

Callejon 7: finalmente arriva il tanto agognato gol a sublimare un ennesima bell’azione del suo assist-man di fiducia, ovviamente alle spalle la solita grande prestazione dello spagnolo.

Insigne 6,5: gara che mostra un calo all’ottimo momento delle giornate scorse soprattutto sul piano della lucidità, appare opaco per poi crescere alla distanza (dall’86 Rog s.v.)

Mertens 5,5: inanella ancora una gara a secco rimanendo su questi livelli di attaccante più efficiente che efficace. Il gol arriverà, deve solo non incaponirsi.

Verona

Nicolas 5: il gol è soprattutto sua responsabilità facendosi anticipare nettamente nell’area piccola, macchiando una gara fin lì molto positiva sua e del Verona.

Ferrari 5,5: lotta e morde sull’esterno, confermando di essere un difensore di grande affidabilità che è pronto a dare tutto uscendo stremato dal campo. Stoico.

Caracciolo 6: fa l’impossibile per reggere l’urto dell’attacco partenopeo riuscendoci fino al minuto 75 ma esce dal campo con una prestazione di assoluto livello.

Heurtaux 5,5: bene fino a quando non arriva il gol, poi diventa svagato ed impreciso macchiando una buona prestazione.

Caceres 6: bene, a larghi tratti benissimo, se dovesse essere ceduto si sentirà la sua mancanza perché è il valore assoluto della difesa scaligera ed oggi si è ancora una volta notato.

Romulo 5: parte in un ruolo e ne cambia altri due prima di sistemarsi sull’out destro dove ritrova i tempi ed i movimenti sebbene spaesato. Non bene.

Buchel 5,5: fin tanto che il fisico regge, prova a dare densità al centrocampo, poi col calare della brillantezza va via via escludendosi dai giochi rimanendone ai margini.

Bessa 5: chiamato a dare più quantità che qualità, da tutto ma quando le energie calano vengono meno i buoni propositi e perde i riferimenti ed i compiti da svolgere (dal 76’ Calvano 5,5: entra per dare maggiore densità in mezzo al campo ma in quel momento il Verona non c’era più).

Verde 5: più copertura che spinta, si innervosisce, prova a predicare movimenti ma i palloni latitano e si nota solo per una buona diagonale difensiva, troppo poco (dall’82’ Felicioli s.v.).

Fares 5: lotta e si sbatte, anche lui spostato ora al centro, ora sull’esterno per portare la sua vivacità dove serve ma questo lo mette in difficoltà togliendogli i riferimenti.

Kean 5: non era la gara giusta per mettersi in mostra, di fronte ha un difensore che come lui a usare il fisico e lo svantaggio dell’inesperienza emerge nettamente (dal 58’ Pazzini 5: sua la prima ed unica conclusione in porta del Verona, meriterebbe spazio peccato vederlo in campo molto poco soprattutto quando non ha il supporto che meriterebbe dai compagni).

CONDIVIDI