Chievo – Frosinone, le pagelle 2018

0

Chievo – Frosinone, le pagelle 2018

CHIEVO

Sorrentino 7: messa a parte la scorsa gara, torna su suoi altissimi livelli salvando a più riprese i suoi con interventi puntuali e precisi.

Depaoli 6,5: mette in difficoltà gli avversari quando spinge con le sue lunghe leve. Arriva spessissimo sul fondo sebbene non sia sempre efficace.

Barba 6,5: dopo un primo tempo in posizione di terzino bloccato giocato anche a buoni livelli è costretto ad abbandonare il campo (dal 46′ Tomovic 6: gioca una gara di buon livello, preciso e puntuale, non sempre pulito ma sempre efficace).

Rossettini 6: discreta gara per l’esperto centrale, abile a non farsi intimorire dagli avversari più brillanti di lui, taglia ogni via di passaggio.

Bani 6,5: questo il livello che ha raggiunto di sicurezza, interpreta bene le gare adattandosi con bravura alle caratteristiche degli avversari riuscendo a minimizzarne le qualità.

Hetemaj 6: gioca una gara di sofferenza e corsa, andando a offrire un rattoppo o un raddoppio laddove serve, prezioso per l’equilibrio della squadra.

Radovanovic 6,5: quando decide che non deve concedere spazio agli avversari gioca gare così, testarde e determinate, con pochi picchi di qualità ma una sostanza impressionante.

Giaccherini 7: quando la gara sembra ormai avviata al pari, caccia il coniglio dal cappello piazzando la giocata del talento che è. Sarà determinante anche quest’anno per la corsa salvezza.

Birsa 6: gioca in posizione di trequarti senza però riuscire però ad essere in grado di incidere veramente, galleggia tra le linee svolgendo il compitino (dal 77′ Kiyine s.v.).

Djordjevic 5,5: tanta corsa ma poca efficacia. Sicuramente una gara di sacrificio ma deve anche ricordarsi che una punta deve essere anche in grado di pungere (dal 69′ Stepinski 6: più incisivo del compagno ha la determinazione per incidere nella lotta salvezza).

Pellissier 6,5: aveva trovato anche oggi il gol, peccato, sta trovando una continuità invidiabile anche ad altissimi livelli. Un leone indomabile.

 

FROSINONE

Sportiello 6: cerca di essere come al solito sempre presente con le sue mani sulle minacce avversarie, però sulla punizione non può nulla.

Goldaniga 5: la gara di oggi è da dimenticare, non trova mai le misure per tenere a bada gli avversari.

Salamon 5: prende il posto di Ariaudo alla guida della difesa ma non riesce mai ad imporre i ritmi di gioco del reparto, più che guida finisce per perdersi anche lui.

Capuano 4,5: un intervento superficiale che ben sintetizza la sua gara, deve ritrovarsi o rischia di essere ancora un passaggio a vuoto per lui.

Ghiglione 5: Baroni gli chiede voglia e verve, lui risponde con una prestazione insipida, priva di spunti e poca grinta dimostrata.

Chibsah 5: da migliore col Milan a peggiore oggi, il passo è stato fin troppo breve, inefficace nel pressing, impreciso nelle giocate.

Crisetig: vorrebbe mettersi in mediana e distribuire il gioco, l’ammonizione però lo inibisce e perde misure e distanze senza riuscire più a rientrare in partita (dall’81’ Campbell s.v.).

Maiello 5: il centrocampo oggi ha lavorato su livelli molto molto bassi, lui si è adeguato sebbene abbia maggiore qualità e proprio per questo non riesce ad incidere sul match (dall’87’ Ciofani s.v.).

Beghetto 5: non riesce a trovare profondità quando attacca e scopre troppo il trio difensivo quando deve rincorrere, gara giocata male.

Ciano 5,5: prova con la solita verve a dare qualche spunto interessante però non riesce ad essere efficace, che il 2019 gli porti quella precisione di cui ha molto bisogno.

Pinamonti 5: oggi da titolare non riesce a trovare quella continuità che gli serve per conquistare la maglia, non basta partire a mille, bisogna essere continui.

Campbell 5,5 – entra a partita in corso ma non ho fatto granché per mettere in piedi il risultato.

Ciofani 5 – anche per lui, pochi minuti che non gli sono bastati per mettere in difficoltà la difesa di Di Carlo.

CONDIVIDI