Fantacalcio, ecco i giocatori pronti a fare la differenza ad ottobre

Sono diversi i giocatori che hanno deluso in questo inizio di stagione e che proveranno ad imporsi già dalla prossima partita di campionato.

giocatori
Aramu ha trovato la prima rete in Serie A contro il Torino

Quest’oggi andremo a parlare dei giocatori che più hanno deluso in questo inizio di stagione. Dei talenti ancora alla ricerca della loro migliore condizione e che approfitteranno della sosta per ritrovarla. Per molti di loro, inoltre, questa sarà l’ultima chiamata, se continueranno a deludere le aspettative, infatti, andranno necessariamente scambiati.

Iniziamo parlando di Molina dell’Udinese che dopo delle prime gare in cui ha sfornato ben 2 assist ed un goal si è spento. Niente di preoccupante per ora, la sua fantamedia è ancora buona e le possibilità che il giocatore ritrovi la giusta condizione sono molto alte.

Chi invece è obbligato a fare la differenza per la sua squadra già da subito è Aramu del Venezia. I neopromossi hanno bisogno che il loro numero 10 sia maggiormente decisivo. Nonostante alcune buone prestazioni, infatti, quest’ultimo è stato scostante come dimostrano le sue statistiche.

Situazione simile per Ivan Perisic il quale mantiene una fantamedia al di sopra della sufficienza grazie ad alcuni bonus. Nonostante alcune prestazioni sotto tono però il croato gode della piena fiducia di Simone Inzaghi, il quale continuerà a mandarlo in campo con regolarità.

Un solo goal in 5 partite per Moise Kean

Un giocatore da cui si aspettava di più è sicuramente Luis Alberto. Lo spagnolo fatica ad entrare negli schemi di Sarri e solamente i bonus ottenuti nella seconda gara di campionato, quella con lo Spezia, gli stanno tenendo la fantamedia alta. Difficile dire se ci sarà un’inversione di rotta, il consiglio, infatti è di dargli sì nuovamente fiducia ma a tempo.

Anche Kean al momento si salva solamente per l’unico goal messo a segno in questa stagione. L’attaccante però è reduce da due insufficienze e potrebbe presto venir chiuso da Bernardeschi o Chiesa, entrambi provati come falso nove da Max Allegri e Roberto Mancini.